Valutazione annuale e finale

Valutazione annuale e finale

Il Consiglio dei Docenti delibera le modalità degli esami annuali e nomina, secondo le modalità ed i criteri stabiliti nel regolamento d’Istituto, una apposita commissione esaminatrice per ciascun anno di corso.

Agli esami annuali non vengono ammessi gli allievi che, dalle risultanze dei registri di Corso e dal Libretto di Formazione personale, abbiano superato il 20% delle assenze, salvo la possibilità di percorsi integrativi alla fine del quadriennio, concordati annualmente con gli interessati.

Gli esami annuali sono teorico-pratici. La valutazione delle acquisizioni teoriche é relativa sia agli insegnamenti teorici seguiti dall’allievo, sia alla teoria della clinica in indirizzo psicoterapeutico specifico dell’istituto. La valutazione pratica è relativa alle acquisizioni di una adeguata competenza professionale nell’indirizzo psicoterapeutico specifico dell’Istituto ed al conseguimento di adeguate competenze relative alla conduzione della relazione interpersonale e specificatamente psicoterapeutica.

Alla prova finale non vengono ammessi gli allievi che, dalle risultanze dei registri di Corso e del Libretto di Formazione personale, hanno superato il 20% delle assenze in una o più aree formative.

L’allievo é ammesso alla prova finale dopo aver consegnato un lavoro di tesi, precedentemente concordato con un relatore di tesi secondo le modalità ed i criteri stabiliti nel Regolamento d’Istituto, ed un lavoro su un seminario.

La prova finale prevede una parte teorica volta a verificare le acquisizioni teoriche e di teoria della clinica complessivamente impartite nel corso della formazione anche attraverso la discussione, ed alla valutazione critica di un lavoro di tesi più un lavoro su un seminario presentati dall’allievo, ed una parte pratica volta a valutare la acquisita competenza professionale dell’allievo nell’indirizzo psicoterapeutico specifico dell’Istituto: anche relativamente alla conduzione della relazione interpersonale di natura psicoterapeutica ed all’assunzione consapevole della responsabilità etica connessa alla professione di psicoterapeuta ed al rispetto della deontologia professionale. La parte pratica della prova finale prevede, secondo le modalità stabilite nel Regolamento d’Istituto, l’esposizione argomentata di una terapia familiare conclusa dall’allievo e dalla sua équipe con particolare sottolineatura del contesto terapeutico in cui ha avuto luogo il contratto, dell’ipotesi diagnostica che ha orientato le scelte terapeutiche sia sul versante individuale del Paziente che nell’analisi delle risorse e dei limiti del sistema familiare. L’elaborato scritto potrà essere accompagnato da una videoregistrazione attestante i passaggi significativi del processo terapeutico.
Inoltre l’allievo dovrà superare una prova pratica clinica consistente in un commento (sempre scritto) che segue all’osservazione di una prima seduta familiare videoregistrata. L’allievo deve rispondere ai seguenti quesiti sulla seduta osservata:

1°_Quale diagnosi relazionale

2°_Quale trattamento (progetto, obiettivi, descrizione di probabile processo terapeutico

3°_Quale prognosi

4°_Quali difficoltà personali l’allievo pensa che avrebbe con quella famiglia se fosse il terapista.

Tali elaborati verranno discussi pubblicamente dalla Commissione di Tesi che il Consiglio dei Docenti nominerà all’uopo composta da almeno tre Docenti principali, di cui uno di un altro Istituto affine.

La Valutazione Finale sarà espressa in 90esimi e verrà riportata  sull’ attestato finale.

Al termine del Corso, dopo il superamento della prova finale, viene rilasciato all’allievo il Diploma di Specializzazione in Psicoterapia Familiare e Relazionale ad indirizzo relazionale sistemico, legittimante l’esercizio dell’attività psicoterapeutica.

Il Diploma, in un unico originale, è firmato dai Responsabili della scuola ed è registrato e numerato su apposito registro.

Be Sociable, Share!